Libertà è ........

25 maggio - 6 giugno 2008
Appiano Gentile (CO)

 

Libertà è essere autonomi, autentici e responsabili senza subire i condizionamenti del passato e i ricatti del mondo.

Il pericolo più grande è cadere nell’auto-commiserazione, cercando negli altri la responsabilità delle nostre sventure o la soluzione dei nostri problemi.
Solo noi possiamo “liberarci” dagli schemi mentali precostituiti, cercando di sfuggire ai condizionamenti dei media, ai falsi modelli e alle lusinghe delle pubblicità, solo noi possiamo sanare le nostre ferite con amore e un po’ di umiltà.

Spesso ci limitiamo da soli inserendoci in un ruolo,che poteva essere utile in un certo momento della nostra vita, ma alla fine identificandosi sempre più con esso, ne restiamo intrappolati e quando questo si esaurisce non sappiamo più chi siamo e cadiamo in depressione. (professione, aspetto fisico, maternità….) Identificandosi in un solo unico ruolo perdiamo sempre più le nostre capacità creative, e vuoti,non sappiamo cosa fare di noi stessi. Dobbiamo sempre scegliere i nostri ruoli con consapevolezza, alternandoli secondo l’utilità per arricchire in modo creativo la nostra vita.

Un altro grande ostacolo alla libertà è la paura, perché legandoci al passato, blocca le nostre iniziative e riduce le nostre capacità creative: bisogna “guardarsi dentro” per superare i complessi infantili e le vecchie abitudini che generano illusioni ed annebbiamenti. Tendiamo a restare dove siamo, fissati in modelli convenzionali, ormai superati e che non sono più utili.

Bisogna avere il coraggio di spezzare le reti, che noi stessi abbiamo teso per difenderci, e allargare la nostra visione, accettando anche di non essere perfetti, superando l’egocentrismo che ci separa dal mondo, accettando fragilità e debolezze senza usarle per farci compatire-amare.

Guardandoci con amore, senza giudizio severo o censura, potremo essere più autentici, liberi da piccoli progetti parziali e transitori del nostro ego e mettere a disposizione le nostre migliori energie per un bene comune.

La separatività rischia di sopraffare il pianeta-genere umano. Dalla globalizzazione egoistica alla fratellanza e cooperazione.

SETTIMIA ZERBONI

HOME